renatissimo

‘N personaggio strano

Pe me era solo ‘n capellone mascherato

che co’ quel modo de fa

er successo se l’era guadagnato.

E circondato da tante sgallettate

j’annaveno sempre bene

tutte le serate.

Ma io me foderavo l’orecchie de prociutto

e quanno c’era lui spegnevo tutto.

Me rifiutavo proprio de sentillo,

così nun avevo mai potuto giudicallo.

Finchè ‘n bel  giorno la mì fia,

c’aveva comprato du’ bijetti pe’ ‘n concerto

me chiede de annà pur’io a faje compagnia….

tanto a lui nun ce pensavo certo.

Ma quanno poi ho saputo chi cantava….

….mbè…questa proprio nun me ce voleva.

Fino davanti allo stadio je ‘ho ripetuto

che quel bijetto ce lo potevamo esse vennuto,

poi pe’ nun falla offenne ce so entrata

…….ma nun potete capì come so uscita….

Me li rimagno tutti assieme io quell’anni

che l’ho snobbato, offeso e canzonato.

Me rendo conto adesso lui chi è,

dopo che l’ho ascoltato.

 

Me piace cosi tanto mo quello che dice

che s’è smontata tutta la cornice.

J’avevo fatta ‘na cornice de tante fantasie

basata solo sull’ipocrisie.

Ce ne stanno certe de canzoni sue

che a sentille bene….altro che poesie.

Se tutto quello che dice

lo pensa pe’ davvero….

allora quello è ‘n omo, ‘n omo vero.

Sarà perchè mo lui me piace tanto

ma quanno lo sento de cantà

io me ce ‘ncanto.

E mo me ponno pure ripete quant’è strano,

jarisponno che strano lui c’è pe’ davero,

ma resta sempre n’omo pe’ me

RENATO ZERO

   LUCIA

  

Magari toccasse a me
prendermi cura dei giorni tuoi
svegliarti con un caffè
e dirti che non invecchi mai...
sciogliere i nodi dentro di te
le più ostinate malinconie... magari

Magari toccasse a me
ho esperienza e capacità
trasformista per vocazione
per non morire che non si fa…
puoi fidarti a lasciarmi il cuore
nessun dolore lo sfiorirà… magari!

Magari toccasse a me
un po’ di quella felicità… magari
saprò aspettare te
domani e poi domani e poi… domani
Io come un’ombra ti seguirò
la tenerezza è un talento mio
non ti deluderò
la giusta distanza io
sarò come tu mi vuoi
ho un certo mestiere anch’io… mi provi… mi provi…
Idraulico, cameriere
all’occorrenza mi do da fare
non mi spaventa niente
tranne competere con l’amore
ma questa volta dovrò riuscirci
guardarti in faccia senza arrossire… magari
Se tu mi conoscessi
certo che tu non mi negheresti… due ali
che ho un gran disordine nella mente
e solo tu mi potrai guarire… rimani!
Io sono pronto a fermarmi qui
se il cielo vuole così
prendimi al volo e poi
non farmi cadere più da questa altezza sai
non ci si salva mai… mi ami? Magari… Mi ami!?!?

magari

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a renatissimo

  1. lucia ha detto:

    è cosi…come racconto in questa poesia che circa 10 anni fa ho scoperto quanto vale oggi Renato Zero….si , dico oggi xkè il Renato vecchio stampo cmq ancora oggi nn mi piace….quello di oggi, il Renato maturo invece lo adoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...